caffè verde

Caffè verde: un aiuto per il controllo del peso e non solo

 

 

Dimagrire in modo facile e veloce con effetti duraturi, questa è una delle richieste che vengono fatte in Erboristeria o Farmacia quando si avvicina la bella stagione.

La perdita di peso è il risultato, prima di tutto, di un miglioramento del proprio stile di vita, dalle abitudini alimentari all’incremento dell’attività fisica.

Fatta questa premessa, conosciamo meglio il caffè verde, soprattutto attraverso le più recenti ricerche scientifiche condotte su questa pianta.

Cos’è il caffè verde?

I chicchi di Caffè verde (Coffea robusta L.) non hanno subito nessun processo di torrefazione (tostatura), ma solo di essiccazione.

Si distinguono dal caffè tostato non solo per colore, odore e sapore, ma anche per la presenza di caffeina legata all’acido clorogenico. Questa caratteristica fa sì che vengano ridotti i tempi dell’assorbimento di caffeina e la concentrazione ematica risulta più dilazionata nel tempo.

Quali sono gli effetti del caffè verde dimostrati scientificamente?

  1. Favorire la perdita di peso
  2. Potere antiossidante
  3. Incrementare la concentrazione
  4. Diminuire i livelli di zuccheri nel sangue
  5. Proteggere il benessere dell’apparato circolatorio

 

 

1. Favorire la perdita di peso

L’effetto attribuito al caffè verde che ha fatto più clamore è il suo ruolo nel controllo del peso.

Negli Stati Uniti ci sono stati casi di polemiche e condanne per medici e pubblicità ingannevoli che attribuivano al caffè verde proprietà “miracolose”.

Secondo le ricerche scientifiche il caffè verde ed in particolare l’acido clorogenico e le metilxantine (come la caffeina) contenuti in esso, sono in grado di aumentare l’effetto ottenuto con una dieta ipocalorica e il regolare esercizio fisico.

Le metilxantine sono molecole dotate di attività lipolitica sugli adipociti bianchi ipertrofici del tessuto adiposo e favoriscono la liberazione di acidi grassi riducendo così il volume e peso degli adipociti stessi.

Gli acidi grassi liberati devono essere però utilizzati dall’organismo, quindi è utile che venga ridotto l’apporto calorico giornaliero e che venga effettuata una moderata attività fisica.

 

2. Potere antiossidante

L’acido clorogenico ha un elevato potere antiossidante. Questo acido è in grado di neutralizzare i radicali liberi che sono responsabili dell’invecchiamento cellulare e che sembrano essere coinvolti in un gran numero di patologie importanti quali l’aterosclerosi, i tumori e altre patologie degenerative come l’Alzheimer.

 

3. Incrementare la concentrazione

Tutto il mondo beve caffè come bevanda stimolante in grado di aumentare la concentrazione.

Nel caffè verde la caffeina legata all’acido clorogenico viene metabolizzata in maniera più lenta, ne risulta una maggiore emivita e minori effetti collaterali, per questo motivo il caffè verde risulta meglio tollerato del caffè tostato dai soggetti ipersensibili alla caffeina.

La caffeina agisce sul nostro Sistema Nervoso bloccando i neurotrasmettitori inibitori come l’adenosina e favorendo il trasporto di dopamina, una delle sostanze prodotte dal nostro organismo che producono una sensazione di benessere.

 

4. Diminuire i livelli di zuccheri nel sangue

Il caffè verde è in grado di ridurre la concentrazione ematica di glucosio nelle diete ipercaloriche, questa caratteristica, attribuita a tutto il fitocomplesso, conferisce ai chicchi del caffè verde un ruolo protettivo nella prevenzione del diabete di tipo 2.

 

5. Proteggere il benessere dell’apparato circolatorio

Grazie all’elevata concentrazione di sostanze antiossidanti, il caffè verde è in grado di proteggere le arterie dal rischio di sviluppare placche ateromatose prodotte da una dieta iperlipidica.

Inoltre il caffè verde favorisce la normalizzazione della pressione sanguigna e l’elasticità delle arterie negli individui con ipertensione.

Da tutte queste considerazioni si evince che l’importanza del caffè verde per la nostra Salute non si riduce solamente all’uso durante le diete ipocaloriche, ma risulta un ottimo alleato per prevenire una serie di patologie.

Non da ultimo va ricordato il suo benefico effetto su concentrazione e benessere psicofisico che fa di questa bevanda un’ottima scelta in ogni momento dell’anno.

Buona tisana.

Supplementation of a High-Fat Diet with Chlorogenic Acid Is Associated with Insulin Resistance and Hepatic Lipid Accumulation in Mice

J. Agric. Food Chem.  61, 18, 4371-4378
Consumption of Green Coffee Reduces Blood Pressure and Body Composition by Influencing 11β-HSD1 Enzyme Activity in Healthy Individuals: A Pilot Crossover Study Using Green and Black CoffeeR. Revuelta-Iniesta and E. A. S. Al-Dujaili- BioMed Research International 2014
Adenosine, Adenosine Receptors and the Actions of Caffeine *

Bertil B. Fredholm, 1995 Nordic Pharmacological Society

 

Comparison of antioxidant activity between green and roasted coffee beans using molecular methods.

Priftis A1, Stagos D1, Konstantinopoulos K2, Tsitsimpikou C3, Spandidos DA4, Tsatsakis AM5, Tzatzarakis MN5, Kouretas D1.

Mol Med Rep. 2015 Nov;12(5):7293-302

Decaffeinated Green Coffee Bean Extract Attenuates Diet-Induced Obesity and Insulin Resistance in Mice

Su Jin Song, Sena Choi, and Taesun Park*

Alternat Med. 2014; 2014: 718379

Effects of chlorogenic acid, caffeine, and coffee on behavioral and biochemical parameters of diabetic rats.

Stefanello N1, Schmatz R, Pereira LB, Rubin MA, da Rocha JB, Facco G, Pereira ME, Mazzanti CM, Passamonti S, Rodrigues MV, Carvalho FB, da Rosa MM, Gutierres JM, Cardoso AM, Morsch VM, Schetinger MR.

Mol Cell Biochem. 2014 Mar;388(1-2):277-86

Effects of green coffee extract supplementation on anthropometric indices, glycaemic control, blood pressure, lipid profile, insulin resistance and appetite in patients with the metabolic syndrome: a randomised clinical trial.

Roshan H1, Nikpayam O1, Sedaghat M2, Sohrab G3.

Br J Nutr. 2018 Feb;119(3):250-258